tourbillon

Nel tentativo di annullare il più possibile l’influenza della gravità sulla precisione di un orologio da tasca, Abraham-Louis Breguet inventò il tourbillon. Il 26 giugno 1801 ne ottenne il brevetto, ma la produzione per i clienti non iniziò prima del 1805. Anche dopo la scadenza del brevetto, gli orologi da tasca con tourbillon rimasero rari, poiché la loro realizzazione richiedeva competenze eccezionali. Negli orologi da polso, il tourbillon è sbocciato tardi. Alcuni marchi, tra cui Omega, sperimentarono i movimenti a tourbillon nei prototipi, ma fu solo dopo la crisi del quarzo che questa complicazione divenne veramente popolare e più comune.

tourbillon

Molti pensano ancora che il tourbillon sia una complicazione. Sebbene sia certamente complesso da realizzare, si tratta di un’aggiunta allo scappamento dell’orologio. Trattandosi di un elemento essenziale di un orologio meccanico, non è considerato una complicazione. In questa stessa ottica anche il remontoire, o lo scappamento coassiale inventato da George Daniels, non è una complicazione, anche se la sua realizzazione richiede una notevole esperienza.

Si pone quindi la domanda: che cos’è una complicazione? La risposta dipende da chi lo chiede. Un purista potrebbe dire tutto tranne la lancetta delle ore. I primi orologi avevano una sola lancetta per indicare l’ora. Tuttavia, poiché stiamo parlando di orologi da polso, il consenso più diffuso in materia è che qualsiasi funzione aggiunta a un orologio oltre alla visualizzazione di ore, minuti e secondi conta come complicazione. Quindi, anche se un tourbillon da 60 secondi funge da lancetta dei secondi, non rientra nella categoria.

Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *